Vaccino, Figliuolo: “Entro fine luglio 60% degli italiani sarà vaccinato”

Ancora una settimana per centrare l’obiettivo del 60% degli italiani vaccinati. E il commissario per l’emergenza Francesco Figliuolo è fiducioso: il numero verrà raggiunto, anche sulla base di una campagna che procede senza intoppi. “Siamo al 55% della popolazione vaccinabile vaccinata. Avevo detto che a fine luglio saremo stati al 60% e ci arriveremo sicuramente. ″È chiaro che tutto è subordinato all’arrivo dei vaccini, che arrivano in maniera regolare in questo periodo, e al grande lavoro che si sta facendo con le regioni, le province, la Difesa, la Protezione Civile e il mondo delle associazioni”.

LEGGI ANCHE – Licenziamenti, solo tre settori non sono toccati

Secondo i numeri del Ministero della Salute, risulta completato il ciclo vaccinale circa il 90% degli over80, l′82% dei 70enni, il 71% dei 60enni, il 65% dei 50enni, il 49% dei 40enni, il 35% dei 30enni, il 30% dei 20enni, il 12% dei 12-18enni.

“C’è ancora un pezzo di strada da fare, siamo all’ultimo miglio. Dobbiamo vaccinare i giovani. È importante per due ragioni: sottraiamo persone che potrebbero ammalarsi anche se statisticamente senza effetti gravi, e poi soprattutto per bloccare la circolazione del virus. Per bloccare le mutazioni bisogna avere quante più persone vaccinate. I giovani possono portare in maniera asintomatica o poco sintomatica il virus e magari attaccare persone fragili che per motivi sanitari non possono fare il vaccino. Ora la scuola, ce la dobbiamo fare per il benessere del bambino è importante la scuola in presenza. Per far ciò bisogna portare a vaccinare gli insegnanti, il personale docente e non, ma anche i genitori devono portare i propri figli dai 12 anni in su a vaccinarsi. È importante perché così blocchiamo la pandemia”, conclude Figliuolo.

Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *